Panoramica escursioni

Serra Giannicola: nel cuore della Valle del Bove

Album foto

Serra Giannicola: nel cuore della Valle del Bove



Una bellissima escursione, tipicamente di stampo vulcanico, ci porta ad attraversare, con labirintico percorso, la Valle del Bove verso quell'incredibile universo di pietra di Serra Giannicola Grande. Non molti anni addietro il panorama di quest'angolo di valle comprendeva anche Serra Giannicola Piccola. Le sue svettanti pareti rocciose, localizzate quasi ai piedi dell'attivissimo Cratere Sud Est, hanno dovuto fare i conti con le numerose colate provenienti dal medesimo cratere, le quali hanno avuto il sopravvento cancellandola dalle mappe vulcanologiche. Anche Serra Giannicola Grande è stata più volte sfiorata dalle recenti colate laviche che non hanno, fino ad oggi, intaccato la sua straordinaria aspra bellezza. In punta di piedi, accingiamoci a scoprirla da vicino! Dopo circa 2 ore e mezza dalla partenza (facendo riferimento all'escursione: Valle del Bove, Arco di Tufo: tra "dicchi" e canaloni sabbiosi), siamo ai suoi piedi, quota 1760. Difronte a noi bellissimi, rari ed unici esemplari di agrifoglio e un ripido pendio sabbioso da risalire con fatica, prima di accedere, attraverso sfasciumi, al costone roccioso che ci porta in cima (m 2030). Alzandoci di quota sull'ampio e pianeggiante ammasso di lave del Trifoglietto, appena attraversato, e superate le ultime difficoltà, lo sguardo spazia sull'intero circondario di Serre e canaloni ricolmi di nerissima sabbia espulsa dal nuovo Cratere Sud Est. il ritorno si svolge saltellando su un divertente canalone sabbioso incassato tra "dicchi", fino al pianoro sottostante e proseguendo come per l'itinerario dell'andata.

Emergenze paesaggistiche

E' dalla cima che si gode lo scenario più suggestivo; un'anfiteatro coronato da affioramenti di perfetti muraglioni (dicchi) che sembrano allineati dalle mani esperte di un "mastro" muratore. Una delle formazioni più particolari è la comunemente detta "Vela Grande", una elegante parete rocciosa che, convergente con un'altra adiacente, crea una piccola grotta di forma triangolare acuta...cornice fotografica per ottimi scatti.

Partenza: Piano del Vescovo (Acqua Rocca degli Zappini)

Arrivo: Cima Giannicola (2030 m. s.l.m.)

Dislivello in salita, da Piano del Trifoglietto: 270 m.

Durata complessiva: ore 7

Difficoltà: itinerario abbastanza lungo ed impegnativo per la risalita su sabbioni e rocce miste.

Equipaggiamento: normale attrezzatura da trekking, 1,5 L. acqua.

Note: escursione da non affrontare durante particolari fasi di attività eruttiva del nuovo Cratere Sud Est.
Necessari, inoltre, condizioni meteo stabili.
I dati personali comunicati tramite la compilazione del modulo saranno trattati da Sebastiano Raciti in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi, nel rispetto di quanto previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 196/2003). Il trattamento avverrà mediante la consultazione e l'elaborazione sia in forma cartacea che informatica, il cui accesso è sotto controllo. I dati personali potranno essere utilizzati per attività di promozione e informazione commerciale. Specifichiamo che il conferimento dei dati da parte degli utenti è facoltativo, ma è tuttavia indispensabile per l'invio delle informazioni da Lei richieste. Potrà richiedere in qualsiasi momento l'aggiornamento, la modifica, l'integrazione, la cancellazione dei suoi dati, secondo quanto previsto dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003, inviando un e-mail all'indirizzo:
info@etnawonders.com


OK


OK